Insetti

Le foto macro sono una delle categorie più affascinanti e impegnative del mestiere fotografico, quello che non mi appartiene ma dove cerco di infilarmi e di imparare un po' con tutta la mia testardaggine. Sento che non riesco molto bene e che poche fotografie soddisfacenti che riesco a produrre sono tali per puro caso. Per la legge dei grandi numeri; scatti tanto e qualcosa alla fine esce bene.

La mia Nikon Coolpix S4 ho comprato nel 1997, prima di andare a fare il safari in Kenya. Sono stato molto contento tranne per un fatto; fare le foto con poca luce richiede un notevole impegno, un treppiede e questo spesso è molto scomodo, specialmente negli ambienti con una mezza luce dove comunque si aspetterebbe di poter fare gli scatti normalmente. Per questo, nell'aprile del 2011 mi sono comprato una nuova macchina fotografica. Consultando un po' Internet, parlando con gli amici e basandomi sulla mia esperienza, sono arrivato alla conclusione che le Canon compatte sono meglio delle stesse Nikon. E così mi sono comprato una Canon PowerShot SX230 HS. E' decisamente meglio nelle foto poco illuminate, ha dei controlli che lamia vecchia Nikon non ha e a dei video in alta definizione davvero fantastici, tenendo conto della grandezza e del costo. Inoltre ho deciso di spendere 30 euro in più per prendermi il modello che ha anche il GPS e così ogni foto scattata è associabile ad un punto geografico della Terra. Si può registrare anche l'itinerario che si percorre. Ma la Nikon ha l'obbiettivo snodabile che permette di fare le macro in modo molto più comodo, senza sdraiarsi per terre, oppure riprendere le altre posizioni che spesso si assomigliano a quelle di Kamasutra.

Torniamo agli insetti. Sono difficili da riprendere prima di tutto perché generalmente scappano quando uno si avvicina. Si può usare anche zoom, cercando di stare un po' più lontano, ma le foto escono peggio. L'altro problema e la posizione, perché si trovano spesso per terra e là non si sa come arrivare per poter vedere anche lo schermo piccolo. Ed la mia, adesso già antica Nikon, da un vantaggio enorme: è sufficiente inginocchiarsi e girare l'obbiettivo per poter vedere esattamente quello che si sta registrando. E così ho voluto creare una nuova sezione con questi animaletti piccolino e affascinanti; finché non si a la fotografia spesso non si vedono dei dettagli con l'occhio nudo e la sorpresa di vedere un occhio di una struttura tutta particolare. In una spiaggia desertica del Capo Verde, questa stupenda locusta, riportata sotto, mi veniva incontro, volendo proprio farsi fotografare. Quando ho scaricato la foto sul computer ho visto questi fantastici occhi, giallo neri, a strisce.

scarafaggio in una ripresa notturna insetto su un albero Una locusta curiosa Un'ape succhia il succo di una mela


Foto Online > Ponti Paesaggi Luna e Sole Animali Edifici Macro Persone Stelle Nuvole Dettagli Mare Neve Orchidee Insetti Alberi Link